finanziamento - Notizie - Innovatics srls

Vai ai contenuti

Menu principale:

PON FSE sulle Competenze Digitali

Pubblicato da in Opportunità ·
Tags: finanziamentoscuoladidatticacittadinanzacreatività digitale
 
L’obiettivo dell'Avviso per lo Sviluppo del Pensiero computazionale e della creatività digitale e per lo sviluppo delle competenze di "Cittadinanza digitale" è quello di far crescere le capacità e la consapevolezza del mondo digitale degli studenti del primo e del secondo ciclo di istruzione. Questo bando, tra le altre cose, conferme l’idea, non più tanto emergente, secondo la quale le competenze digitale sono indispensabile per l’esercizio di una piena cittadinanza nell’era dell’informazione.
 
Gli enti promotori di questa azione possono essere le istituzioni scolastiche statali del primo e del secondo ciclo di istruzione, tuttavia  le scuole possono avvalersi di partenariati e collaborazioni con amministrazioni centrali e locali, associazioni, fondazioni, enti del terzo settore, università, centri di ricerca, operatori qualificati e reti già presenti a livello locale.
 
Questo avviso prevede due tipologie di proposte progettuali attivabili:
 
·        Pensiero computazionale e creatività digitale
 
·        Cittadinanza digitale
 
I percorsi di “pensiero computazionale e creatività digitale” si rivolgono prioritariamente alle istituzioni scolastiche del primo ciclo di istruzione, mentre i percorsi di “cittadinanza digitale” si rivolgono prioritariamente alle scuole secondarie di primo grado e alle istituzioni scolastiche del secondo ciclo di istruzione. Ciononostante, costituisce una premialità la capacità del progetto di integrare, nei moduli didattici da attivare, contenuti di entrambi i percorsi, in base alle esigenze didattiche e all’offerta formativa delle scuola proponente. Nella prima tipologia di proposta è indispensabile promuovere gli elementi fondamentali per l’introduzione alle basi della programmazione e sviluppo del pensiero computazionale per rafforzare la capacità di analisi e risoluzione dei problemi, attraverso tecnologie digitali e non per stimolare un’interazione creativa tra digitale e manuale. Per i percorsi di “cittadinanza digitale” particolare attenzione deve essere riservata alla consapevolezza delle norme sociali e giuridiche in termini di “Diritti della Rete”, educazione alla valutazione della qualità e della integrità delle informazione, comprensione e uso dei dati e introduzione all’open government, al monitoraggio civico e al data journalism.
Entrambi i percorsi devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
  • Devono favorire la progettazione verticale tra i cicli e promuovere la continuità dei percorsi negli anni attraverso i cicli di istruzione
  • Devono essere caratterizzate da approcci innovativi, in grado di superare la dimensione frontale e trasmissiva dei saperi, e devono promuovere, quando possibile, l’Interdisciplinarità.
  • Devono rispettare la programmazione delle attività ovvero devono essere programmate in orario non coincidente con le attività curricolari e progettate in sinergia con le stesse.
 
Vediamo adesso come vengono selezionati i progetti. Un’apposita commissione attribuirà un punteggio (fino a 100 punti per progetto) per stilare le graduatorie, distinte per Regioni di appartenenza e per cicli di istruzione. Gli ambiti di valutazione sono tre:
 
1.       Caratteristiche di contesto (punteggio attribuito in via automatica dal sistema informativo, max. 34 punti), tale criterio attribuisce i punti nel modo seguente, max. 9 punti in relazione livello di disagio negli apprendimenti sulla base dei dati delle rilevazioni integrative condotte dall’INVALSI, max.9 punti in relazione al tasso di abbandono registrato nella scuola proponente nel corso dell’anno scolastico, max. 8 punti in relazione al status socio-economico delle famiglie di origine, rilevato dall’INVALSI, e max. 8  punti in relazione al tasso di deprivazione territoriale, rilevato dall’ISTAT.
 
2.       Qualità del progetto, questo criterio attribuisce max. 42 punti in relazione alla coerenza con l’offerta formativa già in essere e capacità di integrazione con altri progetti della scuola in modo da stimolare la collaborazione interdisciplinare, all'inovatività e qualità pedagogica, all'inclusività (capacità della proposta progettuale di includere gli studenti con maggiore disagio negli apprendimenti e migliorare la loro capacità di cooperazione all’interno dei gruppi), alla valutabilità (capacità della proposta progettuale di stimolare la riflessione pedagogica e di misurare il progresso effettivo nell’acquisizione delle competenze, prospettive di scalabilità e replicabilità della stessa nel tempo e sul territorio), all'integrazione, nell’ambito del progetto didattico, di contenuti relativi a entrambi i percorsi: “pensiero computazionale e creatività digitale” e “cittadinanza digitale”
 
3.       Valore di comunità, attraverso questo criterio vengono attribuiti max. 24 punti in relazione ad una eventuale collaborazione, a titolo gratuito, già attiva con Università e/o Enti Pubblici, privati o del terzo settore (max 8 punti), ad eventuali accordi di collaborazione con altre istituzioni scolastiche finalizzati alla condivisione di competenze tra studenti sia dello stesso ciclo che di cicli differenti (max 8 punti), al coinvolgimento degli studenti e genitori nella progettazione da definire nell’ambito della descrizione del progetto (max 8 punti).
 
Terminato l’esame delle proposte progettuali pervenute, la Commissione giudicatrice procederà a redigere graduatorie in ordine decrescente di punteggio, tali graduatorie avranno una validità di due anni. Verranno finanziate, per un importo massimo di 25.000 euro per proposta progettuale, le proposte  che, sulla base delle suddette graduatorie, ottengono un punteggio complessivo minimo di 40 punti e di cui almeno 15 punti con specifico riferimento al criterio “Qualità del progetto”.



PON FSE per la formazione ad adulti

Pubblicato da in Opportunità ·
Tags: scuolaformazionedidatticafinanziamentocertificazione
Pubblicato il bando per il finanziamento della formazione agli adulti presso i Centri Provinciali per l'Istruzione degli Adulti (CPIA) e le Istituzioni Scolastiche secondarie di secondo grado

PON FSE per le scuole statali sulle competenze di base

Pubblicato da in Opportunità ·
Tags: scuolabandofinanziamentocorsi di formazionedidattica
Pubblicato un bando FSE per la realizzazione di percorsi didattici di potenziamento delle competenze di base rivolto agli studenti delle scuole statali

5 consigli per un progetto da presentare alla UE

Pubblicato da in Approfondimenti ·
Tags: UEfinanziamentoHorizon 2020bandicallfondo perduto
Le regole per scrivere una buona proposta da presentare alle call europee e ottenere un finanziamento per la propria idea imprenditoriale

Innovatics srl semplificata

via M. Conforti, 13

84125 - Salerno

e-mail: info@innovatics.it

pec: innovaticssrls@legalmail.it

p.iva e c.f.: 05447390658

Torna ai contenuti | Torna al menu